top of page

Francesco Massa - "Kings and Rings"



Presentiamo il musicista Francesco Massa, di Reggio Emilia. Francesco, parlaci del tuo percorso musicale e del tuo incontro con il mondo di J.R.R. Tolkien.


"Ciao e grazie per questa opportunità! Il mio percorso inizia a 7 anni, quando mi innamorai per la prima volta del pianoforte. Questo amore per lo strumento mi portò a frequentare il conservatorio, dove studiai fino al settimo anno. La conoscenza dello strumento e i miei studi al liceo scientifico si fusero per portarmi a realizzare un piccolo studietto. Da lì scoprii la gioia di realizzare suoni e combinarli, dando vita a varie composizioni musicali e, che dire, ancora oggi rimane la mia più grande passione, mi rilassa e mi regala emozioni grandiose."


"Il mio primo incontro con il mondo di Tolkien risale alle scuole medie, quando io e la mia classe ci recammo al cinema a vedere "La Compagnia dell'Anello"; quel 18 gennaio 2002 fu letteralmente amore a prima vista."


Francesco ha presentato, per il Tolkien Music Festival 2023, un brano chiamato “Kings and Rings”. Francesco, ti chiediamo di illustrarci la tua creazione, le sue caratteristiche e a cosa ti sei ispirato nei vari frammenti musicali.


"Allora, inizierei col dire che Tolkien fornisce delle descrizioni sulle ambientazioni fortemente evocative, una più bella dell'altra. Così ho pensato di combinare quelle salienti nel mio "calderone musicale" e provare a far sì che la musica guidasse la nostra fantasia, evocando quegli ambienti. Il brano apre con note pacifiche che richiamano all'armonia della Contea, che vanno lievemente a incrinarsi con una melodia lenta e triste della viola (minuto 00:30) che preannuncia il triste destino della Terra di Mezzo per mano di un piccolo anello. Al minuto 00:45 ho cercato di descrivere un senso di inquietudine e di speranza al tempo stesso, e per queste note mi sono fortemente ispirato ai capolavori del Maestro Howard Shore. Se si presta attenzione, dovrebbe saltarvi alla mente il tema di Sméagol.

Al minuto 1:06, con i corni trionfali, ho voluto rappresentare la fierezza e l'onore della Compagnia dell'Anello e di tutti coloro che hanno preso parte alla lotta contro il male. Il canto descrive la grande missione affidata a Frodo, destinato a compiere il viaggio più lungo della propria vita, ricco di molteplici insidie (la nota finale del corno), ma con la presenza di preziosi alleati."




63 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page